skip to Main Content
Ingranaggi

API UMBRIA – ASSOCIAZIONE PER LE IMPRESE DELL’UMBRIA

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO – pubblicati i risultati di aprile 2019 per i finanziamenti a tasso zero nazionali per i giovani e le donne che vogliono avviare una nuova impresa per progetti fino a € 1.500.000. Misura aperta, domande a sportello.
RISULTATI APRILE 2019: iniziative finanziate 462: agevolazioni concesse € 100 milioni; Nuovi postilavoro 2.312.
NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO: incentivo nazionali per giovani e donne che vogliono avviare una nuova impresa: si tratta di un finanziamento fino al 75% a tasso zero per progetti fino a 1.500.000 ubicati in tutta Italia.
LE AGEVOLAZIONI: consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.
CAPITALE PROPRIO: le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria con il 25% residuo di mezzi propri che può essere garantito con capitali propri o mediante finanziamenti bancari.
REALIZZAZIONE DELL’INVESTIMENTO: entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.
BENEFICIARI: i beneficiari sono i giovani tra i 18 e i 35 anni le donne di qualsiasi età, che possono ottenere finanziamenti a tasso zero per l’avvio di una micro impresa e il 25% residuo può essere garantito con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari.
Possono presentare la domanda per i finanziamenti a tasso zero sia le imprese già costituite da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda che le imprese non ancora costituite, cioè le persone fisiche pronte a costituire la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.
AGEVOLAZIONE: Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese.
MASSIMALE: I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro.
SETTORI AMMESSI: sono ammessi i progetti di impresa del costo massimo di 1.500.000 milioni di euro negli ambiti produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, commercio di beni e servizi, turismo, attività riconducibili a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale e l’innovazione sociale.
TERRITORI AMMESSI: tutto il territorio nazionale.
DOMANDE: procedura aperta, domande a sportello.

AGEVOLAZIONI PER L’INSERIMENTO DEI GIOVANI IN AGRICOLTURA – – il bando si pone l’obiettivo di sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda, mediante l’erogazione di un contributo in conto interessi.
LOTTI: il bando è articolato in due lotti:
A. LOTTO 1 comprende le Regioni: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto, Lazio, Marche, Toscana e Umbria. La dotazione destinata a finanziare le operazioni del LOTTO 1 è pari a euro 35.000.000,00.
B. LOTTO 2 comprende le Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La dotazione destinata a finanziare le operazioni del LOTTO 2 è pari a euro 35.000.000,00.
BENEFICIARI: giovani età compresa tra i 18 anni compiuti e i 41 anni non compiuti che intendono insediarsi per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo azienda.
REQUISITI: gli aspiranti agricoltori devono essere in possesso di adeguate conoscenze e competenze professionali, o impegnarsi ad acquisirle entro 36 mesi dalla data di adozione della determinazione di ammissione alle agevolazioni.
CONTRIBUTO: in conto interessi nella misura massima attualizzata di Euro 70.000,00 (settantamila/00) erogabile per il 60% alla conclusione del periodo di preammortamento e dunque all’avvio dell’ammortamento dell’operazione e per il 40% all’esito della corretta attuazione del piano aziendale allegato alla domanda di partecipazione.
LIMITI DI FINANZIAMENTO: le operazioni fondiarie si realizzano attraverso l’acquisto a cancello aperto (con esclusione quindi delle scorte vive e morte) della struttura fondiaria agricola e la sua successiva vendita, con patto di riservato dominio.
L’importo richiesto per l’operazione, a pena di esclusione, deve essere compreso tra 250.000 euro (soglia minima) e 2.000.000 di euro (soglia massima).
DOMANDE: a partire dalle ore 12 del 12 aprile 2019 fino alle ore 12 del 27 maggio 2019.

VOUCHER DIGITALI – NUOVO BANDO 2019 – si tratta del nuovo bando nazionale per i voucher 4.0 lanciato dalle Camere di commercio per permettere alle aziende italiane di agganciare la quarta rivoluzione industriale.
RISORSE: 15,5 milioni di euro per la digitalizzazione delle imprese.
BENEFICIARI :Potranno beneficiare delle agevolazioni le singole micro, piccole e medie imprese e i gruppi da 3 a 20 imprese che presentano un progetto condiviso finalizzato all’introduzione delle tecnologie digitali abilitanti.
I PID mettono a disposizione delle imprese dei voucher digitali per l’acquisto di servizi di consulenza, formazione e tecnologie in ambito 4.0: un sostegno tangibile a favore della digitalizzazione delle micro piccole e medie imprese italiane.
I VOUCHER: sono erogati attraverso appositi Bandi pubblicati dalla Camera di commercio a cadenza variabile.
CONTRIBUTI:per ciascuna impresa saranno messe a disposizione risorse fino a 10mila euro di valore che potranno essere utilizzate dagli imprenditori per acquistare servizi di consulenza, formazione e tecnologie in ambito 4.0.
DOMANDA: Le aziende avranno tempo fino al 15 luglio di quest’anno per richiedere l’erogazione del voucher presso la propria Camera di riferimento.
BANDI APERTI: leggi tutto l’articolo per vedere l’elenco dei bandi aperti delle singole Camere di Commercio

INAIL: dal 11 aprile 2019 le domande per il bando Isi 2018. Contributo a fondo perduto fino al 65% alle imprese per miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
FINALITA’: incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori.
incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali, ciò al fine di soddisfare l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell’azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione o il miglioramento e la riconversione della produzione assicurando, al contempo, un miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.
CONTRIBUTO: I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.
RELATIVAMENTE AGLI ASSI 1 (sub Assi 1.1. e 1.2), 2, 3 è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili.
FINANZIAMENTO MASSIMO: 130.000,00 €.
RELATIVAMENTE ALL’ASSE 4: è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del al 65% calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili.
FINANZIAMENTO MASSIMO: 50.000,00 €.
RELATIVAMENTE ALL’ASSE 5: è concesso un finanziamento in conto capitale nella misura del 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole); del 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori); calcolato sull’importo delle spese ritenute ammissibili, comunque non superiore a Euro 60.000,00.
DOMANDE: dal 11 aprile 2019 le aziende interessate avranno tempo fino al 30 maggio 2019 per compilare la propria domanda online. Scadenza 30 maggio 2019.

NUOVI FINANZIAMENTI AGEVOLATI: fino a € 500.000 per le micro, piccole, medie imprese e per le start up, assistiti dal fondo di garanzia pubblica gratuita di cui alla L.662/96.

BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese, e start up con meno di 3 bilanci.

TERRITORIALITA’: tutto il territorio nazionale.

SETTORI AMMESSI: tutti i settori.

SPESE AMMESSE: terreni, fabbricati, macchinari, impianti, attrezzature, arredi, automezzi, tecnologia digitale, beni immateriali, scorte, capitale circolante e liquidità;

MASSIMALE FINANZIAMENTO: € 500.000 per imprese con almeno 3 bilanci depositati;
MASSIMALE FINANZIAMENTO START UP: € 300.000 per start up con meno di 2 bilanci depositati

AGEVOLAZIONE: fondo di garazia pubblica gratuita del 80% di cui alla L.662/96.
FINALITA’:: investimenti materiali e immateriali, scorte e liquidità.

FINANZIAMENTO EROGATO: 100% del totale del progetto di investimento alle imprese con almeno 3 bilanci.
FINANZIAMENTO EROGATO A NUOVE IMPRESE: 80% del totale del progetto di investimento con richiesta di disponibilità di mezzi propri pari al 20%.
DURATA FINANZIAMENTO:sette anni per investimenti materiali e immateriali; due anni per liquidità e scorte.
PRE-FATTIBILITÀ GRATUITA: compila il modulo quì.
DOMANDE: a sportello.

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO, pubblicati i risultati di marzo 2019 per i finanziamenti a tasso zero nazionali per i giovani e le donne che vogliono avviare una nuova impresa per progetti fino a € 1.500.000. Misura aperta, domande a sportello.
RISULTATI MARZO 2019: iniziative finanziate 457: agevolazioni concesse € 99 milioni; Nuovi postilavoro 2.312.
NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO: incentivo nazionali per giovani e donne che vogliono avviare una nuova impresa: si tratta di un finanziamento fino al 75% a tasso zero per progetti fino a 1.500.000 ubicati in tutta Italia.
LE AGEVOLAZIONI: consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.
CAPITALE PROPRIO: le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria con il 25% residuo di mezzi propri che può essere garantito con capitali propri o mediante finanziamenti bancari.
REALIZZAZIONE DELL’INVESTIMENTO: entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.
BENEFICIARI: i beneficiari sono i giovani tra i 18 e i 35 anni le donne di qualsiasi età, che possono ottenere finanziamenti a tasso zero per l’avvio di una micro impresa e il 25% residuo può essere garantito con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari.
Possono presentare la domanda per i finanziamenti a tasso zero sia le imprese già costituite da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda che le imprese non ancora costituite, cioè le persone fisiche pronte a costituire la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.
AGEVOLAZIONE: Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese.
MASSIMALE: I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro.
SETTORI AMMESSI: sono ammessi i progetti di impresa del costo massimo di 1.500.000 milioni di euro negli ambiti produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, commercio di beni e servizi, turismo, attività riconducibili a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale e l’innovazione sociale.
TERRITORI AMMESSI: tutto il territorio nazionale.
DOMANDE: procedura aperta, domande a sportello.

SMART & START ITALIA: Invitalia ha pubblicato i risultati aggiornati al 13 marzo 2019.
RISULTATI al 1 febbraio 2019: 928 iniziative finanziate; 300 milioni di agevolazioni concesse e 4.899 nuovi posti di lavoro creati.
SPORTELLO SMART & START ITALIA ancora aperto per nuove domande.
Si tratta di agevolazioni finanziarie e contributi contributi alle nuove imprese innovative per progetti fino a 1.500.000 di €.
SMART & START ITALIA, è il principale incentivo del Governo dedicato alla nascita e alla crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico.
TERRITORIALITA’: le agevolazioni Smart&Start Italia sono riservate alle startup innovative localizzate su tutto il territorio nazionale.
LA BUSINESS IDEA: dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca.
L’AGEVOLAZIONE: consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto proposto. Per le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è previsto un contributo a fondo perduto pari al 20% del mutuo.
SMART & START ITALIA: finanzia programmi di spesa tra 100 mila e 1,5 milioni di euro.
BENEFICIARI: start-up innovative , iscritte nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese, che presentano un progetto imprenditoriale caratterizzato da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, e/o finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.
Le società devono essere di piccola dimensione ed essere costituite da non più di 60 mesi.
Per richiedere le agevolazioni non sarà necessario aver già costituito la società.
FINANZIAMENTO: è’ previsto un mutuo senza interessi e senza richiesta di garanzie per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto, inclusi i costi del personale dipendente.
CONTRIBUTO: le startup localizzate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia beneficiano anche di una quota di finanziamenti a fondo perduto (20%).
DOMANDA: sportello aperto

PER INFO – 3929551356

Back To Top