skip to Main Content
Th

API UMBRIA – ASSOCIAZIONE PER LE IMPRESE DELL’UMBRIA

Excelsior, i programmi occupazionali delle imprese nel trimestre novembre 2018 – gennaio 2019
Presentati dalla Camera di commercio di Perugia i dati sui bisogni occupazionali delle imprese della provincia di Perugia, elaborati dal sistema Excelsior, per il trimestre novembre 2018 – gennaio 2019.
Nei tre mesi che segnano il passaggio tra il 2018 e il nuovo anno, il sistema delle imprese della provincia di Perugia prevede di attivare 10.310 nuovi contratti di lavoro, con una crescita del 13,4%, rispetto allo stesso periodo di un anno fa. In valore assoluto si tratterebbe di 1.220 posti di lavoro in più.
Le entrate al lavoro previste nel solo corrente mese di novembre sono 3.150, dato anche questo in salita consistente: + 9,7%, equivalente a 280 posti di lavoro in piùin un anno.
Salgono di 2 punti percentuali le previsioni di assunzione a tempo determinato a durata predefinita, che passano in dodici mesi dal 67 al 69%, a fronte di una contrazione dal 33 al 31% dei posti di lavori a tempo indeterminato e di apprendistato.
I settori più dinamici per quanto riferito ai fabbisogni occupazionali sono i servizi, dove ad oggi si concentra il 62% di tutte le entrate previste.
In provincia di Perugia, il lavoro nasce nelle PMI: a novembre il 77% delle entrate previste viene da imprese con meno di 50 dipendenti.
Salgono di 2 punti percentuali le previsioni di assunzione a tempo determinato a durata predefinita, che passano in dodici mesi dal 67 al 69%, a fronte di una contrazione dal 33 al 31% dei posti di lavori a tempo indeterminato e di apprendistato.
Stabili i profili High Skill (dirigenti, specialisti e tecnici), che assorbiranno il 15% delle entrate, 1 punto in più in un anno. Un dato questo che tuttavia resta molto distante dalla media nazionale che tocca il 21%.
Salgono al 10% le entrate per laureati: nel novembre 2017 si erano fermate al 7%.
Si contrae, e in maniera netta, la quota di posti di lavoro destinati ai giovani sotto 30 anni: in dodici mesi, dal novembre 2017 al novembre di quest’annosi passa dal 41% al 32% del totale delle previsioni occupazionali.
Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di commercio di Perugia: “Pur in presenza di segni di rallentamento dell’economia, il Sistema delle imprese della provincia di Perugia conferma una positiva intonazione per quanto riferito alla capacità di creare lavoro. Crescite del 9,7% per il mese di novembre e del 13,4% per il trimestre che si affaccia sul nuovo anno, denotano un atteggiamento di fiducia, almeno sul breve-medio periodo. Preoccupa, la netta e imprevista contrazione delle disponibilità di posti di lavoro per i giovani sotto i 30 anni”.
Continua ad allargarsi il mismatching tra domanda e offerta di lavoro: in 37 casi su 100 (contro i 29 di un anno fa) le imprese incontrano difficoltà nella ricerca dei profili professionali di cui hanno bisogno.
Le professioni più difficili da reperire per le imprese della provincia di Perugia nel mese di novembre sono: operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche; operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, abbigliamento e calzature; conduttori di mezzi di trasporto.

IL SEGRETARIO – STELVIO GAUZZI

Back To Top